Archives

, , Posted by on

Festa di Sant’Antonio Soleto (Salento)

Festa di Sant’Antonio Soleto (Salento)

Gennaio Data: 17/01
Comune: Soleto
Soleto e la festa di Sant’Antonio nel mondo contadino, dal 16-1 al 17-1, Soleto (Salento)
Quando un paese in Salento celebra il suo Santo Patrono vuol dire che esso intende affidare la propria storia e la propria religiosità alla protezione, all’aiuto e alla benevolenza di questo Santo.
Un Santo Patrono non è mai scelto per caso, o per motivi inspiegabili, oppure per imposizioni esterne. Nella storia di un paese c’è sempre una motivazione, c’è sempre un avvenimento particolare, o vi sono eventi più complessi, i quali legano la devozione religiosa della Comunità al Santo che la protegge e la custodisce.
A volte il motivo è un miracolo che si verifica, oppure è un’apparizione divina che rende sacri luoghi ed abitudini; talvolta il motivo si ritrova in tradizioni antiche e leggendarie, e si lega anche al passaggio di un Santo per il paese che lo onora come Patrono o all’appartenenza originaria dello stesso Santo Patrono alla Comunità che lo celebra. Vi sono infine molti altri motivi storici che possono giustificare la devozione di un popolo per un Santo Patrono.
Quando dicembre è ormai lontano, a Soleto si dice che se sarà stato potente e freddo a dovere si riterrà soddisfatto, ma se avrà fatto bonaccia si vendicherà chiedendo alcuni giorni a Gennaio, per portare gelo e sterilità.
E il preoccupato mondo contadino di una volta aveva paura: l’Inverno andava vinto, scacciato, esorcizzato. La maniera migliore era quella di celebrare le “Feste”, ovvero l’insieme di quelle manifestazioni collettive legate al trascendente, al magico e all’irriverente che avevano luogo nell’ambiente rurale, e che avevano grande forza soprattutto in questo periodo dell’anno. Dal dover mandar via l’inverno, derivano i festeggiamenti col fuoco, fatti a Soleto in gennaio, in onore diSant’Antonio.