Archives

, , , Posted by on

Festa SunShine 31 maggio 1 – 2 giugno 2014

Santa Maria di Leuca Festa SunShine 31 maggio-1 e 2 giugno 2014

Festa SunShine 31 maggio 1 - 2 giugno 2014

Per inaugurare la stagione turistica 2014 il Comune di Castrignano ha organizzato una festa SUNSHINE per la prima volta a Santa Maria di Leuca.

Si terrà dal 31 maggio al 2 giugno 2014.

Evento per promuovere il territorio Arte, artigianato, prodotti tipici gastronomici salentini, al fine di far conoscere e gustare le bellezze del Capo di Leuca in un periodo di bassa stagione.

Inizio il 31 Maggio da Punta Ristola nel pomeriggio, la serata del 31 continuerà con la “Mezzanotte bianca” sul Lungomare C. Colombo con l’esposizione dei prodotti tipici salentini,  Il mercatino continuerà nei giorni successivi che vedranno durante l’intera giornata, anche le esibizioni di artisti di strada, i colorati giochi d’aria degli aquilonisti salentini, l’apertura della cascata monumentale dell’AQP, rappresentazioni teatrali e mostre all’interno delle meravigliose ed eclettiche ville ottocentesche che fiancheggiano il lungomare Leuchese. Tutti gli operatori turistici praticheranno nei tre giorni dell’evento, tariffe e sconti particolari.

 

Riferimenti dal sito: “http://www.comune.castrignanodelcapo.le.it/item/leuca-sunshine-fest-31-maggio-1-e-2-giugno-2014

, , Posted by on

Sagra te la purpetta Monteroni Di Lecce (Salento)

Sagra te la purpetta Monteroni Di Lecce (Salento)

Maggio Data: 30/05
Comune: Monteroni Di Lecce
Nella terza decade di Maggio, presso la cittadina di Monteroni, si svolge la “Sagra te la purpetta”, cioè la Sagra della polpetta.Festa dedicata a questo piatto tipo della tradizione italiana, ma si ha la possibilità di degustare diversi prodotti tipici di questa terra.L’evento è allietato da musica, balli e canti.

, , Posted by on

Sagra delle ciliegie Leverano (Salento)

Sagra delle ciliegie Leverano (Salento)

Maggio Data: 28/05
Comune: Leverano
A Leverano si tiene la sagra delle Ciliegie, in dialetto salentino è chiamata la “Fera ti li cerasi” ed è una manifestazione legata alla Festa della Madonna della Consolazione.Oltre alla celebrazione religiosa e la sagra gastronomica, si svolge anche la fiera-mercato degli animali con capi d’allevamento e da cortile.Alla festa delle Ciliegie, vengono esposti tanti altri frutti di stagione nelle caratteristiche strade e bancarelle di Leverano (Lecce).Per informazioni consigliamo di contattare il Comune di Leverano in Puglia.

, , Posted by on

Festa di San Nicola Maglie (Salento)

Festa di San Nicola Maglie (Salento)

Maggio Data: 08/05
Comune: Maglie
A Maglie, per tre giorni, l’ 8, il 9 e il 10 di maggio, viene celebrata la Festa patronale di San Nicola.E’ una festa essenzialmente religiosa, il primo giorno di festa, infatti, si apre con l’immagine del santo che viene portata in processione percorrendo le vie della cittadina, insieme alle statue della Madonna delle Grazie e di Sant’Oronzo, essendo gli altri protettori di Maglie, lo precedono, aprendo il corteo.Il secondo giorno della Festa di San Nicola a Maglie (Lecce) è caratterizzato dalla messa solenne in onore di San Nicola, che viene celebrata nella piazza principale della città.Vi sono inoltre numerosi concerti bandieristici, questa giornata raggiunge il suo apice la sera con i fuochi pirotecnici che illuminano il cielo notturno magliese.L’ultimo giorno di celebrazioni della Festa di San Nicola a Maglie (Lecce), è quello del ringraziamento.Ssi continua a vedere la gente che va a fare visita alla statua del santo, posto nella Pizza Principale, Piazza Aldo Moro, e nell’aria risuonano le note della musica suonata da vari gruppi.

, , Posted by on

Festa della Madonna di Roca Calimera (Salento)

Festa della Madonna di Roca Calimera (Salento)

Maggio Data: 05/05
Comune: Calimera
La Madonna di Roca a Calimera e dintorni è essenzialmente un evento religioso.Tutti gli anni, il 5 maggio, si compie il pellegrinaggio di 15 Km da Calimera a Roca vicino San Foca.Infatti i calimeresi, in occasione di questa festività, rinnovano il ricordo del loro luogo di provenienza da cui furono costretti a scappare a causa delle incursioni dei Turchi intorno al 1500.Nella cittadina di Calimera, precisamente nel rione di San Rocco, vengono allestite le bancherelle e le strade risuonano dell’allegra musica delle bande che animano la fiera cittadina della Madonna di Roca.

, , Posted by on

Festa SS. Crocefisso Muro Leccese (Salento)

Festa SS. Crocefisso Muro Leccese (Salento)

Maggio Data: 02/05
Comune: Muro Leccese
La devozione del SS. Crocefisso che a Muro si festeggia il 2-3-4 Maggio in Piazza del Popolo suscita sentimenti di profonda partecipazione da parte della popolazione murese legata alla cappella del SS. Crocefisso, posta in uno dei luoghi più suggestivi ed incantevoli dell’agro murese.
Il parco Comunale del SS. Crocefisso, con la omonima chiesa a croce greca, è una tappa obbligata per i turisti che transitano nel Salento, soprattutto d’estate quando il parco, uno dei più attrezzati ed accoglienti della Provincia di Lecce, diventa il luogo ideale per la rassegna estiva di cinema teatro e appuntamenti culturali organizzati dall’Amministrazione Comunale.

, , Posted by on

Festa di SS Filippo e Giacomo (Salento)

Festa di SS Filippo e Giacomo (Salento)

Maggio Data: 01/05
Comune: Diso
La Festa patronale dedicata ai Santi Filippo e Giacomo è uno spettacolare esempio di devozione dei fedeli nei confronti dei propri Santi Patroni. diso santi filippo e giacomo illuminarie
Ogni anno, il 1° maggio Diso, un piccolo paesino dell’entroterra sud salentino, situato nei pressi di Castro, offre uno spettacolo di riti sacri e profani in grado di stupire e carpire l’interesse degli adulti così come quello dei più piccoli.
Storicamente la cittadina è legata ai Santi Patroni e ad essi devota. Sebbene già a partire dal 1889 a livello internazione è stato stabilito che il 1° maggio è la giornata dedicata alla festa del lavoro e pertanto questo rappresenta un giorno di festa nazionale e internazionale, la devozione degli abitanti di Diso non ha vacillato nemmeno per un istante e mentre tutta la comunità festeggia il lavoro e i lavoratori, a Diso si festeggiano i Santi Patroni.
Probabilmente anche per evitare l’accavallarsi di festività importanti e di origine diversa, con il passare del tempo, le celebrazioni liturgiche in onore dei due Santi Patroni hanno subito delle variazioni, essendo state spostate dapprima all’11 maggio e poi definitivamente al 3 maggio. Ciò nonostante gli abitanti più devoti e fedeli considerano ancora il 1° maggio festa patronale, così come comanda la tradizione.
Le tradizioni popolari locali testimoniano un forte attaccamento della popolazione ai Santi e ai personaggi sacri, soprattutto ai Santi Patroni.
I Santi Patroni hanno sempre rappresentato un valido interlocutore diretto per il popolo sofferente e per il contadino che a volte chiedeva la grazia per un ricco raccolto, altre volte chiedeva semplicemente che la salute accompagnasse lui e la sua famiglia nel corso degli anni. E così le mogli chiedevano un matrimonio ricco di prole, i mariti la capacità di sostentamento della numerosa famiglia e se veniva qualche carestia in ogni caso ci si votava ai Santi per ottenere la grazia.
In un’epoca in cui anche la routine era assai difficoltosa e tutt’altro che goliardica, i cittadini offrivano ai Santi quanto più possibile, garantendo, quanto meno, dei ricchi festeggiamenti durante la ricorrenza. Ciò non deve stupire perché, in fondo, questi fastosi festeggiamenti altro non rappresentano che la ovvia evoluzione dei sacrifici offerti agli dei in epoca arcaica.
Ma se tutto ciò non stupisce, certamente lascia attoniti la caparbietà dei Disini e la loro voglia di continuare la tradizione, offrendo ai Santi Patroni Filippo e Giacomo dei festeggiamenti che probabilmente sono tra i più ricchi nel territorio regionale.
Luminarie, spettacoli pirotecnici e concerti bandistici animano le serate della primavera disina, in onore di festeggiamenti che, tra cerimonie sacre e riti profani, partono addirittura dalla seconda metà di aprile. A partire dal 21 aprile, infatti, le statue dei Santi vengono esposte per l’adorazione ma solo il 3 maggio, a conclusione del periodo loro dedicato, le statue verranno portate in processione e i festeggiamenti culmineranno in uno spettacolo inenarrabile.
L’intero paese si trasforma in un palcoscenico, allestito grazie ai fedeli che si riuniscono in comitato e si occupano dell’organizzazione dei festeggiamenti durante tutto il corso dell’anno.